Ammasso globulare
NGC104
47 Tucanae
Visualizza l'immagine a schermo intero
Carica l'immagine in una finestra separata

L'ammasso globulare NGC104 è il secondo per dimensioni angolari visibile dalla Terra, dopo NGC5139 Omega Centauri. Questo ammasso è facilmente visibile ad occhio nudo nel cielo australe tanto che fu classificato erroneamente come stella (47 Tucanae). Fu Abbe Nicholas Louis de Lacaille a catalogarlo per primo come oggetto del profondo cielo iscrivendolo nella sua lista degli oggetti nebulosi meridionali il 14 settembre 1751. NGC104 si trova a 13'400 anni luce da noi ed ha un diametro di 140 anni luce che corrisponde ad un diametro apparente di 31 minuti d'arco (all'incirca quello della Luna piena). Questa immagine è una bicromia realizzata in remoto con un telescopio situato in Australia. Sono stati ripresi solo i canali rosso e blu, mentre il verde è stato ottenuto sinteticamente da una media dei primi due.

DATI DELL'IMMAGINE
Osservatorio:  Riverland Dingo Observatory
Località:  Moorook, Australia
Latitudine:  34° 16' 07.90" S
Longitudine:  140° 20' 32.00" W
Quota:  60 m
Avvio delle riprese:  18.7.2010 - 19:26:11 UT
Punto medio:  18.7.2010 - 19:35:28 UT
 
Telescopio:  Takashashi FSQ 106ED (GRAS-012)
Lunghezza focale:  540 mm
Diametro:  106 mm
Apertura libera:  8825 mm²
Rapporto focale:  f/5.1
 
Fotocamera:  SBIG STL-11000M - ABG
Sensore:  Kodak KAI-11000M
Dimensione dei pixel:  18.00 x 18.00 μm
Temperatura del sensore:  -9.8° Celsius
 
Coordinate del centro lastra: 
Ascensione retta:  00h 24m 03s
Declinazione:  -72° 07' 19"
Scala dell'immagine:  3.68 Arcsec/Pixel
Campo inquadrato:  2° 02' 55" x 1° 21' 57"
Angolo di rotazione:  0.00°
Angolo orario:  4.47
Costellazione:  Tucana
 
Autore della ripresa:  Ivaldo Cervini
Software di ripresa:  MaxIm DL 4.58
 
Autore dell'elaborazione:  Ivaldo Cervini
Software di elaborazione:  MaxIm DL 6