Blog di Astropix
18 giugno 2010
M20 - M21 - Trifid Nebula

La nebulosa Trifida venne scoperta da Guillaume Joseph Hyacinthe Jean Baptiste Le Gentil de la Galaziere (noto semplicemente come "Le Gentil"), probabilmente prima del 1750. Nel 1764 Charles Messier aggiunse la Nebulosa Trifida al suo celebre catalogo con il numero 20. Fu lo stesso Messier a scoprire invece l'ammasso aperto M21 che in questa ripresa appare più in alto e sulla sinistra. La parte più netta della Nebulosa Trifida è quella settentrionale, formata da idrogeno ionizzato e che appare rosata. La parte meridionale viceversa appare azzurra, è più tenue ed è costituita da gas non eccitato che riflette la luce delle stelle del settore. L'ammasso M21 comprende una cinquantina di stelle. Queste stelle sono per la maggior parte giovani giganti blu. Tra queste la più luminosa è SAO186215, di magnitudine 7.2 e di tipo spettrale B8. Le riprese con le quali è stata composta questa immagine son state effettuate pilotando in remoto uno dei telescopi del Riverland Dingo Observatory, nel Sud dell'Australia.

Visualizza la scheda con tutti i dati dell'immagine

Telescopio: TEC 140 (GRAS-010)
Camera di ripresa: SBIG STL-11000M - ABG
Costellazione: Sagittarius
Tipo di oggetto: Nebulosa luminosa
Tags: Nebulosa; M20; M21
Elenca tutti gli articoli Cerca tra gli articoli